E…..cuore sia

Adoro i cuori: di legno, di vetro, di ceramica, di bambù, di gesso profumati, di stoffa……cuori e sempre cuori.
Con ago, filo e stoffe colorate ne ho cuciti grandi e piccoli per tante occasioni; da regalare, da appendere, da nascondere nei cassetti per profumare…..

Imma 108Imma 104

Imma 094

Immagine 043Immagine 053

E per chi ha un cuore romantico vi consiglio “Una piccola libreria a Parigi” Nina George Sperling & Kupfer

Pasta, che passione…..

Mio marito ama la pasta grossa, quando siamo solo noi due cerco sempre di accontentarlo…sfogliando, cercando, ho trovato questa fresca ricetta estiva:

Paccheri con ripieno di ricotta e tonno
Una vera goduria!!!!!!
DSCN0105

Ingredienti:
320 gr di Paccheri
200 gr di ricotta vaccina
200 gr di tonno sott’olio
2 uova
2 cucchiai di capperi (io non ho messo)
parmigiano reggiano
pomodori ciliegini
pementa
basilico, sale e pepe

Procedimento:
Lessare le uova. Mescolare la ricotta con il tonno. Scusciate le uova e passate al setaccio i tuorli e uniteli al composto.Aggiungete il parmigiano e un po’ di pepe (non esagerate). Nel frattempo, lessate la pasta al dente, con un po’ d’olio in modo che la pasta non si unisca, scolatela e farcite con la crema di ricotta e tonno.
Preparate un sughetto con battuto di aglio, pementa e pomodori ciliegini, passate i paccheri in padella con foglioline fresche di basilico

DSCN0105DSCN0106

 

 

 

 

 

 

DSCN0109

Ore 17.00: il thè è servito

Verde, nero, all’arancia e cannella, ai frutti rossi, alla pesca, alla vaniglia, tradizionale…..purchè thè. Bollente nei freddi pomeriggi invernali, ghiacciato nei caldi pomeriggi estivi, da soli con un buon libro, o in allegra compagnia, sempre con sfiziosi biscottini………

 

tort2

DSCN0086DSCN0078

 

 

 

 

 

 

 Biscotti al limone

Ingredienti :
100 g di burro
110 g di zucchero
1 uovo
buccia grattugiata di un limone
succo di 1 limone
250/270 g di farina
mezza bustina di lievito per dolci
zucchero a velo q.b.
zucchero semolato q.b.

Procedimento:
Fate ammorbidire il burro, a temperatura ambiente, e montatelo con lo zucchero, aggiungere l’uovo, la buccia grattugiata e il succo del limone, il lievito mescolato alla farina e amalgamate il tutto. Otterrete un impasto molto morbido che va fatto riposare per un’ora circa in frigo, tuttavia se vi sembra troppo molle si può aggiungere un cucchiaio in più di farina. Trascorso il tempo di riposo, formate con l’impasto delle palline grandi quanto una noce, passatele nello zucchero semolato poi nello zucchero a velo, adagiatele, ben distanziate perché lieviteranno, nella placca foderata di carta-forno, cuocete a 180 gradi, per 8/10 minuti non di più, sulla superficie si devono formare delle crepette. Lasciateli raffreddare e non spaventatevi se appena sfornati vi sembrano molli infatti raffreddandosi assumeranno una consistenza e una fragranza deliziosa.

E per finire…….

DSCN0250DSCN0251

Cioccolatini al Peperoncino…………  poco estivi ma sempre d’effetto (prossimamente la ricetta)

Terrazza con vista

tram3           Adoro la Toscana, mia regione di nascita, ma adoro soprattutto il mare che ho la forrtuna di vedere tutti i giorni, quel mare al tramonto nelle giornate di primavera; quel mare spumeggiante nelle giornate di libeccio; quel mare calmo nelle giornate estive……quell’odore di salmastro che ti entra nella pelle. mar3    tram1

 

Cacciucco a modo mio

Ingredienti

2  totani di media grandezza
2  polpi
4  fette di palombo
1 Kg di cozze
500 gr di seppie
1 Kg di vongole
600 gr di gamberoni
Prezzemolo, aglio, carote, sedano, cipolla (poca) e  peperoncino

Procedimento

Si prepara il soffritto con tutti gli odori, si aggiunge l’olio e si lascia partire, si aggiungono le seppie, i totani e i polpli e si porta il tutto a cottura.
A parte si fanno aprire le cozze e le vongole.
Si aggiunge il pomodoro al pesce cotto e si lascia insaporire e alla fine si aggiungono le cozze, le vongole e il palombo e si porta ancora una volta a cottura, alla fine si aggiungono i gamberoni.
A parte si prepara un brodo di pesce per allungare il cacciucco in caso di bisogno.
Nel frattempo si tosta del pane casalingo in forno e poi si struscia con l’aglio.
Il cacciucco si serve in piatti separati.

Questa è la ricetta originale di mia mamma, nel vero cacciucco alla livornese si usavano e si usano pesci poveri e brutti ma saporiti……..

Una simpatica lettura tutta livornese “Il cacciucco e il ponce nelle storie livornesi” di Mauro Cusmai – Comiedit Edizioni

mar1

Una serata in compagnia

Una calda serata estiva, il profumo del mare, una allegra compagnia e tante stelline al formaggio che ben si sposano con un ghiacciato aperitivo…….

DSCN0206DSCN0183

    Ingredienti

• 150g di farina
• 150g di burro (ammorbidito a temperatura ambiente)
• 180g di parmigiano grattugiato
• 1 uovo
• noce moscata q.b.
• sale q.b.
• un pizzico di pepe nero
• semi di finocchio, di lino o sesamo, semi di papavero
• formine a forma di stelle

Preparazione

1. Mettete, nel frullatore, il burro ammorbidito a temperatura ambiente, la farina, il parmigiano grattugiato, l’uovo, sale, il pizzico di pepe, la noce moscata e fate mescolare per circa 20 secondi ad una velocità 4-5; l’impasto dovrà risultare morbido.
2. Versate l’impasto ottenuto su un piano da lavoro leggermente infarinato ed impastatelo con le mani, per qualche minuto, fino a renderlo liscio; formate dei panetti, avvolgeteli nella pellicola e metteteli in frigo per circa 1 ora.
3. Trascorso il tempo, prendete i panetti dal frigo e, con il matterello, tirate una sfoglia alta circa 5cm; con le formine formate tante stelle e mettetele su una placca rivestita con carta forno.
4. Spennellate le stelle con l’albume sbattuto e spolverizzatevi sopra i semi.
5. Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 6-7 minuti; i biscotti salati dovranno risultare ben dorati. Toglieteli dal forno e lasciate raffreddare.

Vita da gatta

DSCN7142 (Large)

Amo la mia gatta, Briciola, entrata nella nostra vita circa 10 anni fa. E’ stata lei che ci ha adottato, ovvero mi ha adottato. Doveva essere la gatta delle nostre bimbe, ma lei ha scelto me, io impaurita perché non avevo mai avuto un gatto; lei tremante iniziò, dopo essersi acciambellata sulle mie gambe, a fare le fusa. Fin dal primo giorno compagna fedele di gioie e dolori. Padrona incontrastata della nostra casa………

gattomitolo
“Le donne sono come i gatti le si possono costringere a fare solo ciò che vogliono”  – Colette –

zampattosxzampattodxDSCN3150

Mi ha preso una sfoglia

Ho trovato questa semplice ricetta, alla quale ho apportato solo alcune piccole modifiche, di sfoglie con crema e ciliegie da gustare in questa torrida estate con del buon the freddo…………..

Ingredienti:

Per le sfogliatine

un rotolo di pasta sfoglia

Per la crema:

un tuorlo

un cucchiaio colmo di zucchero

un cucchiaio raso di farina

200 ml di latte

scorza di limone

Per la decorazione

ciliegie, uva, mela

70 gr di zucchero

un cucchiaio di succo di limone

cannella

Imm01 Imm02

Preparazione:

Srotolate la pasta sfoglia e ricavatene 6/8 quadrati di circa 10 cm per lato, ripiegate il quadrato a metà, formando un triangolo, senza premere troppo altrimenti la pasta tende ad attaccarsi. praticate due tagli sui lati, senza arrivare alla punta. riaprite il quadrato di pasta, inumidite leggermente i bordi interni e sovrapponete le strisce esterne.

Disponete le sfogliatine su una teglia rivestita di carta forno, bucarellate il centro con i rebbi di una forchetta e cuocetele in forno preriscaldato a 180°. La prima infornata è stata un disastro, il forno era troppo alto ed ho buttato tutto…….

Per la crema: sbattete il tuorlo con lo zucchero, unite la farin e, sempre mescolando, unite il latte. Mettete la crema sul fuoco con una scorza di limone e cuocete a fuoco basso fino a quando si addensa. Coprite e lasciate raffreddare.

Snocciolate le ciliegie, l’uva e tagliate la mela a quadratini, mettete in un pentolino con lo zucchero, un cucchiaio di succo di limone e una spolverata di cannella. Cuocete e di tanto in tanto mescolate per sciogliere completamente lo zucchero, allontanate dal fuoco e fate raffreddare.

Farcite le sfogliatine, riempite il centro con la crema pasticcera, poi disponete sopra la frutta caramellata e riponete in frigo.

Ideali per una pausa pomeridiana accompagnata anche da una buona lettura, io vi consiglierei “Un treno per la luna” , una storia della grande guerra di C. Giuntoli, ed. Fuorionda.

Ciao a presto……..